225
"Mattia Caldara torna al Milan": il futuro del difensore bergamasco classe 1994, attualmente in prestito dai rossoneri all'Atalanta, è stato sancito a chiare lettere dal suo agente, Giuseppe Riso. Come raccontato anche in precedenza da Calciomercato,com, la società orobica non riscatterà il centrale, a causa della scarsa affidabilità fisica dimostrata.

DUE ANNI LONTANO DAI CAMPI, NEMMENO BERGAMO L'HA RIGENERATO - Inoltre, i molteplici infortuni che lo hanno tenuto lontano dai campi, a singhiozzo, per quasi due anni, hanno influito sia sul fisico che sull'aspetto psicologico di Caldara, passato improvvisamente da essere una fulgida promessa del calcio italiano a un 26enne che fatica a tornare a giocare con continuità: nemmeno il ritorno a Bergamo, casa e luogo degli antichi fasti sotto l'egida premurosa di Gasperini, è servito a rigenerarlo. 

MILAN, NIENTE 15 MLN: PIOLI NON LO VEDE, CHE FUTURO? -  Valutazioni tecniche ed economiche da parte dell'Atalanta: il riscatto, fissato a 15 milioni, "non vale la candela", nè da punto di vista del bilancio né da quello tecnico. Un grosso problema per il Milan, che vede svanire i 15 milioni garantiti dal riscatto di Caldara, il quale tra l'altro non rientra nemmeno nei piani di Stefano Pioli per la prossima stagione. Venderlo, ma a prezzo totalmente ribassato, o provare ulteriormente a rigenerarlo, con il dubbio che ciò possa avvenire? Una bella gatta da pelare per Maldini, dato che il 26enne ha altri due anni di contratto con il Milan, a 4 milioni lordi l'anno. 

@AleDigio89