115
Anno nuovo, stessi terzini. Almeno a sentire le parole del Milan, che dopo aver rassicurato ​Mario Giuffredi, agente di Andrea Conti, ha preso posizione su Davide Calabria, con l'intervento di Paolo Maldini nella prima conferenza stampa della stagione 2020-21: "​Il concetto di incedibilità è relativo. Negli ultimi anni ha fatto molto bene, è una garanzia perciò non consideriamo Davide sul mercato". Il prodotto del settore giovanile rossonero era sulla lista dei cedibili, lo scenario ora è cambiato ma non è da escludere che possa farlo ancora prima dell'inizio di ottobre.

NON E' INCEDIBILE - Calabria per il momento resta al Milan, al quale è legato da un contratto in scadenza nel 2022, la sua partenza resta però un'opzione credibile. Non in prestito, ipotesi che non è stata presa e non sarà presa in considerazione dal club di via Aldo Rossi, se farà la valigia lo farà solo a titolo definitivo, per una cifra tra i 12 e i 15 milioni di euro. Chi lo vuole è avvisato, pagare moneta vedere cammello. Se non arriverà la proposta giusta resterà a disposizione di Pioli.
VOLTO NUOVO - Il mercato in uscita, insomma, è bloccato, il Milan non ha nessuna intenzione di prendere impegni se non cederà uno tra Calabria e Conti. Passano gli anni, cambiano proprietà e dirigenti, ma continua a vigere il motto di Galliani "​se non esce nessuno, non entra nessuno", ancor di più in tempi di pandemia e fair play finanziario. Sfumato Aurier, per il quale il Tottenham continua a chiedere 20 milioni, restano in piedi le ipotesi Emerson del Betis (anche se difficile) e Dumfries del Psv. Ma solo se a destra verrà liberata una casella.