447
Milan-Lazio 2-0

Milan
Maignan 6: stilisticamente non è impeccabile ma molto efficace. Si guadagna i primi applausi di San Siro. 

Calabria 7: si esalta in diagonali perfette, va chiudere tutte le linee di passaggio avversaria. Davide è sempre più in versione Nazionale. 

Romagnoli 7: sovrasta Immobile in ogni zona del campo con autorevolezza e tempismo. Decisivo nel primo tempo proprio sull‘attaccante campano con un intervento dentro l’area di rigore. Il Milan può sempre fare affidamento sul suo capitano. 

Tomori 7: concentrato per tutti i 90’ di gioco, il difensore inglese non sbaglia un solo intervento. Che sia in tackle o di testa.

Hernández 6,5: solita spinta propulsiva che manda in tilt le linee difensive della Lazio. Molto positivo anche in fase difensiva su un avversario difficile come lo è Pedro.

Tonali 7,5: assoluto dominatore del centrocampo, arriva sempre per primo su tutti i palloni. Gioca con qualità e tempi perfetti. E’ in una condizione fisica e mentale straordinaria, un messaggio alla concorrenza in vista della trasferta di Champions League a Liverpool.

Kessie 6: diga preziosa davanti alla difesa, si procura un rigore solare ma alza troppo la conclusione.  (Dal 15’ st Bakayoko s.v) (dal 28’st Bennacer 6: un grande recupero nel finale di gara sottolineato dal boato del pubblico )

Florenzi 6: dopo diversi torna a giocare da esterno alto e non sfigura. Si applica molto nelle due fasi dando, però, l’impressione di aver ancora bisogno di un po’ di tempo per entrare nei meccanismi della squadra. (Dal 15’ st Saelemaekers 6,5: regala maggiore brio all’azione offensiva del Milan anche sulla corsia di destra. Bellissimo l’assist finale per un Ibrahimovic che non centra la porta da posizione favorevole) 

Díaz 6,5:  rapidità di esecuzione, personalità nel cercare la giocata e buona visione di gioco: il numero 10 rossonero conferma tutte le ottime impressioni destate nelle prime due uscite in campionato. (Dal 35’ st Ballo- Toure s.v.

Leão 7: gioca una prima frazione di una intensità fuori dal comune. Ad ogni strappo lascia sul posto Marusic, dà una mano ai compagni anche in fase di non possesso. Realizza il suo primo gol in campionato con un piattone imparabile per Reina. Super.   (Dal 15’ st Ibrahimovic 7: il Re è tornato come sa fare. Un gol facile ma tanto importante per la squadra anche in vista del ritorno in Champions League mercoledì prossimo a Liverpool)

Rebić 7: chiamatelo mr assist. Ne confeziona due decisivi. 

All.Pioli 7: la sua squadra vince e convince, lui non sbaglia una mossa in panchina.

Lazio
Reina 6: nulla può sulle marcature del Milan, coraggioso in un paio di situazioni quando esce con i tempi giusti sull’attaccante avversario. 

Marušić 4,5: esce dal campo e chiede un ‘moment’, Leão gli fa venire il mal di testa. Il nazionale montenegrino ci mette del suo sbagliando sempre l’intervento.  (Dal 17’ st Lazzari 6: decisamente più diligente rispetto al compagno di reparto)

Luiz Felipe 5,5: usa i tacchetti nel primo tempo, spesso ruvido ma comunque efficace. Non legge il taglio di Ibrahimovic sul secondo gol del Milan. 

Acerbi 6: barcolla ma non molla, ci mette fisico ed esperienza. Ma non basta contro un avversario che attacca sempre con tanti giocatori. 

 Hysaj 5,5: farebbe match pari con Florenzi ma nel finale di gara perde la bussola e rimedia un giallo evitabile. 

Milinković-Savić 5: il grande assente nella Scala del calcio. Un paio di aperture panoramiche, lunghe pause e una conclusione che non fa nemmeno il solletico a Maignan (dal 29’ st Basic s.v)

Lucas Leiva 6: anche quando il mare è in tempesta cerca di mantenere il giusto equilibrio. Più sciabola che fioretto, Sarri si aspetta qualcosa di più in fase d’impostazione. 

Luis Alberto 5: si innervosisce subito ed esce dalla partita. Tanti interventi in ritardo e poca qualità nelle giocate. Bocciato.

Pedro 5,5: si muove molto, cerca di attaccare la profondità ma è più fumo che arrosto. (Dal 38’st Moro s.v.)

Immobile 4,5: prestazione scadente del nazionale azzurro sotto tutti i punti di vista. Si fa anticipare sempre da Romagnoli, non calcia mai in porta e propizia il calcio di rigore concesso al Milan con un intervento in ritardo su Kessie. (Dal 38’ st Muriqi s.v.)

Felipe Anderson 6: qualche buona accelerazione e cross. Il migliore del reparto offensivo laziale.    (Dal 17’st Zaccagni 6: ci mette tanta voglia e determinazione alla sua prima uscita in biancoceleste) 

All.Sarri 4,5: perde nettamente il duello con Pioli. Nel finale anche la testa con una espulsione per proteste.