63
Posticipo del turno infrasettimanale di Serie A, a San Siro si affrontano Milan e Carpi in un match cruciale per la corsa Europa League e la lotta salvezza: la partita si è chiusa sul risultato di 0-0. Queste le pagelle dei rossoneri.

Donnarumma 7: partita quasi da spettatore non pagante, poi quando serve sulla conclusione di Crimi diventa super togliendo il pallone da sotto la traversa.

Abate 6: conferma ancora una volta di essere in un buon momento in fase di copertura, ma i cross restano un neo non indifferente.

Alex 6: poco lavoro da fare, contiene al meglio Mbakogu e lavora di mestiere sul rapido Lasagna. La zuccata sul corner di Balotelli questa volta non è vincente come contro la Juventus.

Romagnoli 6,5: il giovane centrale torna sui livelli di un paio di mesi fa, preciso in tutte le chiusure e sempre sicuro con il pallone tra i piedi, non sbaglia nulla.

Antonelli 6: meno arrembante di Abate nella prima frazione di gioco, sale nella ripresa e sfiora il gol con un colpo di testa respinto da Belec.

Poli 5,5: la generosità e l'impegno sono quelli di sempre, questo però non premia le sue giocate che finiscono col risultare spesso imprecise (dall'86' Locatelli sv: resta almeno la gioia del debutto, arrivato poi a San Siro)

Montolivo 5,5: recupera la consueta moltitudine di palloni, quando prova ad alzare la testa mancano movimenti a smarcarsi laterali e i due attaccanti tendono a schiacciarsi troppo a ridosso della metà campo lasciando pochi margini di manovra al capitano rossonero. Perde qualche pallone di troppo, soprattutto nella ripresa uno spalanca la porta al Carpi.

Bonaventura 5: da mezzala trova spazio ma non giocate vincenti, da trequartista viene spesso asfissiato dalle marcature avversarie e finisce per sparire dal gioco minuto dopo minuto.

Boateng 4.5,: Brocchi lascia di stucco tutti quando decide di concedergli una chance dal primo minuto, lui non la sfrutta. Cerca sempre di entrare nel vivo dell'azione, ma si perde in giocate eccessivamente leziose che finiscono con l'indispettire compagni, allenatore e tifosi che lo fischiano sonoramente al momento del cambio (dal 61' J. Mauri 6,5: mette in campo il carattere che Brocchi vorrebbe vedere da tutta la squadra e trova anche un gol giustamente annullato per fuorigioco. Ci prova, si inserisce costantemente).

Bacca 5: i dribbling sulla trequarti sono esteticamente pregevoli e nel primo tempo strappano applausi, ma da lui il Milan si aspetta la giocata che decida l'incontro come contro Sampdoria e questa non arriva. Un solo tiro alto, passo indietro notevole e San Siro non apprezza dedicando anche qualche fischio al suo beniamino (dal 69' Menez 5,5: Brocchi spera che lui possa dare verve, speranza totalmente disattesa. Abulico).

Balotelli 5: la buona volontà c'è, ma il risulato è assolutamente negativo. Ogni volta che prova la conclusione sbatte sugli avversari, tiene in apprensione i difensori del Carpi ma solo lontano dall'area. Provarci va bene, ma a volte non basta e da Mario ci si aspetta qualcosa di più: come dice il Maestro Yoda nel celebre Star Wars "Fare o non fare, non c'è provare".

All. Brocchi 5: il Milan aveva un'occasione incredibile di mettere in sicurezza il sesto posto e riaprire anche il discorso per il quinto posto, ma la chance viene malamente sprecata. Brocchi non strappa applausi alla prima a San Siro, anzi incassa i fischi dei tifosi: i rossoneri non brillano, il 4-3-1-2 si rivela più un limite che una soluzione contro una squadra chiusa ermeticamente come il Carpi e anche la sua scommessa Boateng si rivela un flop. L'unica nota positiva è la promessa mantenuta: Mauri trova spazio e Locatelli il debutto, ma è una magra consolazione).

Twitter: @Albri_Fede90