Commenta per primo

Il Milan potrebbe riprendere Felipe Mattioni, terzino destro brasiliano con passaporto italiano, nato a Ijuì, la stessa città di Carlos Dunga, acquistato nel 2009 dal club di Via Turati dal Gremio. Ha 22 anni e ha giocato l'anno scorso nella Liga col Maiorca: 19 presenze e un gol. Mattioni potrebbe diventare l’apripista per Ibrahimovic al Milan, attraverso la mediazione di Mino Raiola, procuratore sia del brasiliano che dello svedese. Cerchiamo di capire in che modo. Il Maiorca sostiene di aver riscattato Mattioni, in realtà la situazione contrattuale è assai complessa perché al club spagnolo mancherebbero le basi economiche per ritenere conclusa la trattativa col Gremio. Raiola ne ha parlato al Milan che è alla ricerca di un terzino (nonostante il prolungamento del contratto appena siglato da Oddo) e soprattutto vuole ringiovanire il suo organico. Almeno sotto questo profilo, il brasiliano è una garanzia.

Mattioni fu prelevato dalla società rossonera in prestito con diritto di riscatto fissato a 6 milioni di euro, diritto che in via Turati hanno fatto decadere: nel Milan, Mattioni ha giocato in tutto 2 minuti. Raiola sarebbe ben felice di sistemarlo di nuovo a Milanello. Fra il procuratore e Galliani i rapporti sono ottimi e presto potrebbero portare a clamorosi sviluppi. Visto che le possibilità di vedere Balotelli al Milan si sono ulteriormente ridotte di fronte all’intervento del Manchester United (sul Man­chester City...), il Milan e Raiola stanno pensando al grande colpo, vale a dire Zlatan Ibrahimovic in rossonero, anche se con quattro anni di ritardo. Fra l’altro, secondo fonti catalane, Sandro Rosell, neo presidente del Barcellona, avrebbe fissato il prezzo dello svedese che non rientra più ufficialmente nei piani di Pep Guardiola: 35 milioni di euro. Ma il Milan, forte dell’appoggio di Raiola, può aspettare un nuovo ribasso o, meglio ancora, strappare il prestito con un diritto di riscatto per la prossima stagione. Tutto serve per intensificare e migliorare i rapporti: Raiola oggi è uno dei punti di riferimento del Milan e sembra superato quel che accadde nell’estate del 2006, l’estate di Calciopoli, quando improvvisamente Ibrahimovic passò dalla Juve al...Milan all’...Inter.