258
Aprile sarà un mese importante per il Milan in campionato ma anche per delineare le strategie sul mercato. Meite, arrivato in rossonero a gennaio dal Torino in prestito oneroso, deve ancora convincere Massara e Maldini a esercitare il diritto di riscatto fissato a 8 milioni di euro. Allo stato attuale non risultano esserci tante possibilità per il centrocampista francese che avrà 9 partite per dimostrare di poter essere un giocatore importante per i rossoneri anche in ottica futura.

Ascolta "Milan, Meite verso l'addio: Massara al lavoro per due centrocampisti" su Spreaker.
SVANBERG NEL MIRINO - Al Milan, di certo, non mancano le idee. L'area scouting ha pronti i dossier su diversi profili, almeno 4 o 5 per i ruoli in cui hanno deciso di intervenire. Svanberg, centrocampista svedese classe 1999 di proprietà del Bologna, piace molto a Massara. Fisico impostato, piedi buoni e ampi margini di miglioramento: Mattias piace al club di via Aldo Rossi per la sua grande intelligenza tattica e per la capacità di giocare a due tocchi. Bigon e Di Vaio nell'estate del 2019 lo avevano soffiato al Manchester United versando 4,5 milioni nelle casse del Malmoe, ora la valutazione si aggira sui 15 milioni di euro. Su Svanberg ci sono gli occhi di diversi club della Premier League, come Southampton e Leicester, ma il Milan vanta un canale preferenziale con il Bologna in virtù della grande amicizia tra Massara e Sabatini.

LOKONGA OSSERVATO SPECIALE - Un altro classe 1999 sul taccuino del Milan  è ​Albert Sambi Lokonga, centrocampista centrale  in scadenza nel 2023 con l'Anderlecht, con il quale si sta prendendo la scena. Il classico numero 6 davanti alla difesa, un centrocampista in grado di fare filtro e mettere ordine, come Sergi Busquets, al quale è stato accostato dalla stampa locale. Gli osservatori del Milan seguono da diverso tempo questo talento nel giro della nazionale under 21 del Belgio e hanno stilato relazioni sempre positive. Una curiosità da non trascurare:  Lokonga è molto amico di Saelemaekers. Lo stesso numero 56 del Milan, in un'intervista concessa a La Derniere Heure, ha ammesso di aver fatto il suo nome: "Ne ho parlato diverse volte con Pioli, credo sia pronto per giocare per un grande club". La valutazione si aggira intorno ai 12 milioni di euro ma la concorrenza sul giocatore è molto nutrita.