Il caos regna sovrano al Milan in una fase estremamente delicata sotto il profilo societario. Dopo l'avvento di Elliott come nuovo proprietario al posto di Yonghong Li e il cda della giornata di giovedì dal quale è uscito ufficiosamente il nome di Paolo Scaroni come prossimo presidente, in attesa delle prime mosse ufficiali e operative del fondo statunitense si respira un clima di enorme tensione tra i componenti dell'attuale management. L'amministratore delegato Marco Fassone e il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli vivono praticamente da separati in casa quella che rischia di essere la parentesi finale della loro esperienza in rossonero.

STALLO TOTALE - Una diversità di vedute che sta provocando uno stallo totale anche sotto l'aspetto delle strategie di mercato, complice anche la necessità di ottenere l'ultima parola da Elliott prima di compiere qualsiasi operazione. Nasce da questo l'improvviso stop alla cessione al Sassuolo di Manuel Locatelli, quasi totalmente definita sulla base di 11-12 milioni di euro e con un diritto di recompra ancora da fissare a favore dei rossoneri. Una brusca frenata che rischia di complicare ulteriormente la campagna di rafforzamento della squadra allenata da Gattuso a circa un mese dalla chiusura delle trattative. In questo contesto di inquietudine generale, si inseriscono le voci sempre più ricorrenti su un avvicendamento di Fassone e Mirabelli con figure dirigenziali espressione di Elliott.
I CANDIDATI - Per il ruolo di ad, resiste la candidatura del grande ex Umberto Gandini che, come raccolto da calciomercato.com, non sta vivendo un momento semplice alla Roma, ma attenzione a Giovanni Carnevali del Sassuolo, che negli ultimi giorni è stato spesso a Milanello per gestire l'affare Locatelli. Per quanto concerne la posizione di Mirabelli, resta molto gradito il nome di Cristiano Giuntoli del Napoli, ma non è da escludere che Elliott si affidi a un profilo di maggior respiro internazionale per guidare l'area tecnica, come dimostrano le recenti indiscrezioni sul brasiliano Leonardo.