117
Il Milan cerca, da tempo, un vice Theo Hernandez. Tanti nomi seguiti, quasi sfiorati, praticamente presi, ma alla fine, a fare su e giù sulla fascia mancina rossonera, sempre e solo il francese. Quest'anno poche volte si è alternato con Diogo Dalot, che il meglio lo ha dato a destra, e nel finale di stagione, perché quello che dà l'ex Real Madrid è unico, ma anche perché dal mercato non è mai arrivata una vera e propria alternativa al classe '97. 

IL PIU' VICINO - A un passo dal vestire rossonero c'è stato Antonee Robinson, terzino sinistro americano, ora al Fulham, ma all'epoca, gennaio 2020 al Wigan, in Championship. Il Milan era pronto a prenderlo in prestito con diritto di riscatto, ma alle visite mediche viene scoperto un problema cardiaco, poi risolto, che fanno saltare l'affare. Da lì rientrò Laxalt, ma il ruolo di vice Theo non venne risolto. 
ORA... - Tra gli obiettivi di mercato del Milan, in questa sessione, c'è quella di dare qualità alle spalle di Theo, con una Champions da onorare al meglio, confermando il buon campionato fatto. Tra i nomi più caldi ci sono profili alla Antonee Robinson, outsider che arrivano da fuori, non strade battute in Italia: Junior Firpo, del Barcellona, in cerca di rilancia, è una pista da seguire, così come quella che porta a Matias Vina, campione del Sudamerica con il Palmeiras, punto fermo dell'Uruguay, voglioso di provare un'esperienza all'estero. Ma attenzioni a possibili sorprese, come era stato Robinson, come può essere il fresco campione d'Europa David Raum, dell'Hoffenheim. Offensivo, intraprendente e giovane. Come Theo, che aspetta un vice.