66
Milan atteso dalla semifinale d'andata di Coppa Italia contro la Juventus, alla vigilia della sfida di San Siro il tecnico rossonero Stefano Pioli parla ai canali ufficiali del club: le sue dichiarazioni.

RIPARTIRE DOPO IL DERBY - "Sarebbe troppo facile pensare e ripartire solo dal primo tempo del derby. Chiaro che dentro la partita abbiamo dimostrato tante cose positive e che ci stiamo avvicinando al livello di squadre importanti e molto forti, e questo deve darci fiducia e consapevolezza nei nostri mezzi. Ma dobbiamo aver capito anche che in certe partite a certi livelli non si può mai mollare la presa. Da questa partita dove purtroppo siamo usciti con le ossa rotte, perché è chiaro che tutti noi volevamo finisse diversamente per la nostra classifica, per il nostro momento, per i nostri tifosi, dobbiamo imparare da questa situazione e dobbiamo mettere in campo una prestazione ancor più continua e ancor più determinata per tutti i 95'. Già a partire da domani sera in Coppa Italia".

CONTRO IL TORINO PRIMI CAMPANELLI D'ALLARME - "Sicuramente sì, perché ci sono situazioni in cui attenzione, intensità e comunicazione devono essere ai massimi livelli. Noi abbiamo fatto l'errore di essere più attenti e intensi quando la palla era lontana dalla nostra area e un po' meno quando si è avvicinata e questi sono errori che abbiamo pagato. Quindi sono esperienze che dobbiamo assolutamente mettere dentro il nostro bagaglio e cercare di fare sempre meglio perché abbiamo ancora tanti obiettivi. E chiaramente la partita di domani è un obiettivo importante in questo momento, quindi c'è da fare bene".

70MILA A SAN SIRO PER MILAN-JUVE  "Anche l'altra sera non abbiamo giocato fuori casa e il rimpianto è grande. Dobbiamo assolutamente svoltare subito e dimostrare che anche da una partita in cui abbiamo fatto tante cose positive e altre meno abbiamo imparato la lezione, possiamo crescere e possiamo fare bene. E' la cosa importante, raggiungere l'obiettivo di arrivare in finale di Coppa Italia sarebbe un risultato importante e siamo preparati per affrontare la partita di domani".

JUVE OPPORTUNITA' DI RILANCIO - "Assolutamente sì, era la miglior situazione che potesse capitarci. Parliamo di affrontare la miglior squadra d'Italia e una delle migliori d'Europa, ma questa è l'occasione per dimostrare che anche noi non siamo da meno".

LA PRESTAZIONE DELL'ANDATA IN CAMPIONATO - "Può esserci d'aiuto sicuramente anche se loro sono cambiati meno, noi molto di più sia come interpreti e posizioni in campo. Poi ci sono situazioni che si possono riproporre, il fatto di aver giocato un'ottima partita e aver avuto prima noi le occasioni di andare in vantaggio, che non siamo riusciti a sfruttare, ci deve dare la consapevolezza che tutte le partite vanno giocate, approcciate con grande determinazione e convinzione nelle qualità che abbiamo da mettere sul campo".
METTERE IN DIFFICOLTA' LA JUVE - "Ci mancherebbe altro che non andiamo in campo con la convinzione di poter fare male agli avversari, soprattutto nel nostro momento in cui stiamo creando e segnando tanto. Abbiamo le qualità per mettere in difficoltà anche la Juventus, perché dentro ogni singola partita ci sono tante possibilità da sfruttare, noi dobbiamo essere preparati e pronti per cercare di sfruttarle".

INIZIARE BENE DA SUBITO - "E' molto importante la partita d'andata, ma come spesso succede sarà decisivo il ritorno. Fare un risultato positivo domani sera significherebbe avere un vantaggio per la prossima. Quindi adesso molto concentrati su questi novanta minuti perché dobbiamo lavorare di squadra, farlo bene, con lucidità, con la prestazione migliore possibile dal punto di vista tecnico".


A Rai Sport, Pioli aggiunge: "Infastidito dalle voci sulla panchina del Milan? No, non mi interessa. Abbiamo tante di quelle partite da giocare e obiettivi da raggiungere che il futuro non è una mia priorità".

SCONFITTA NEL DERBY - "Pesante per come è arrivata e per tutte le situazioni che c'erano dentro a questa gara. Ci ha fatto male perdere un derby così, giocare una partita subito molto importante contro un'avversaria come la Juve ci può sicuramente aiutare".

COPPA ITALIA - "Diventa importante per tutti i club prestigiosi. Tutte le società ci tengono a fare bene in questa competizione, noi siamo stati bravi ad arrivare fino alle semifinali ma non è sufficiente: vogliamo provare ad arrivare fino in fondo".