24
Dopo un anno di purgatorio il Milan torna nel campionato Primavera 1 e lo fa da vincitrice e dominatrice del girone a del campionato Primavera 2. Con la vittoria ottenuta oggi sulla Spal i ragazzi di Federico Giunti sono infatti laureati campioni del proprio girone con 4 giornate d'anticipo garantendosi, quindi, anche la promozione diretta a fine anno.

SUCCESSO MERITATO - Un successo meritato quello dei rossoneri, che con quella di oggi hanno ottenuto 14 vittorie consecutive frutto della miglior difesa del torneo (solo 14 gol subiti), ma anche del miglior attacco (ben 56 reti segnate) e di una stagione che, sul totale, ha visto il Milan uscire sconfitto sul campo soltanto una volta, nei quarti di finale della Coppa Italia contro la Fiorentina (squadra di Primavera 1). 

I SUCCESSI DI GIUNTI - Grande merito, inevitabilmente, va dato a Federico Giunti che nel corso dell'anno ha sperimentato molto, partendo dalla solida certezza della difesa a 4, fino a trovare la quadra del cerchio nel 4-3-1-2 con il centrocampo a rombo che ha dato solidità al reparto arretrato e al tempo stesso esaltato la grande qualità a disposizione nel reparto avanzato. Non è un caso, infatti, che nessun giocatore sia andato in doppia cifra di gol, ma ben 6 giocatori fra attaccanti e centrocampisti siano andati oltre quota 7 marcature.
DA SALA A COLOMBO - Protagonisti della cavalcata sono stati indiscutibilmente i giocatori più pronti per il salto di categoria come il centrocampista Bresciani e l'attaccante Luan Capanni, entrambi classe 2000 e quindi fuoriquota, ma anche il 2001 Daniel Maldini, figlio di Paolo e che ha già esordito in prima squadra. Ma non vanno sottovalutati i profili di Oddi, terzino sinistro classe 2002 dalla gran corsa, il centrale difensivo classe 2001 Merletti e soprattutto capitan Alessandro Sala, centrocampista classe 2001 e vero e proprio equilibratore a tutto campo della rosa oltre a Lorenzo Colombo prima o seconda punta classe 2002 già nel giro delle nazionali under e che premiamo a simbolo di tutto il reparto. Per una promozione meritata e per una rosa che, già a partire dal prossimo anno, potrà dire la sua nella lotta al vertice anche del campionato Primavera 1. Complimenti