220
E' ormai pronta la richiesta di assistenza giudiziaria internazionale in Cina relativa ai flussi di denaro versato da Yonghong Li per l’acquisto del Milan: secondo l'Ansa l'indagine relativa all’ex proprietario del club rossonero era nata in seguito al rapporto depositato l’anno scorso dalla Guardia di Finanza, che conteneva tre segnalazioni di operazioni sospette.

NEL MIRINO CONTI AD HONG KONG E MACAO - Queste ultime hanno fatto partire accertamenti e ipotesi di falso in bilancio nei confronti di Mr. Li: l'obiettivo di inquirenti e investigatori, attraverso le rogatorie cinesi, è quello di chiarire da dove provengono i soldi utilizzati da Li per l’acquisto del Milan, e nel mirino ci sarebbero anche alcuni conti in banche ad Hong Kong e Macao.