Jean-Francois Gillet, ex portiere belga con grande esperienza in Italia, ha parlato a Tuttosport degli obiettivi di mercato suoi connazionali del Milan: 

"De Ketelaere? Per noi è un golden boy, è proprio forte. Mancino, prestante fisicamente, sin da subito è diventato inamovibile tra i titolari del Club Bruges. Non sente la pressione, è tagliato per un grande club, in Belgio oramai fa davvero troppa differenza. Sia lui che Lang dovranno adattarsi eventualmente all'Italia, ma hanno le qualità giuste, sono da Milan. Io ho giocato con Cassano, Lang me lo ricorda perché come lui è veloce palla al piede e salta sempre l'uomo". 

"Origi? Duttile, se cambi sistema sa cosa fare. E poi anche al Liverpool è stato decisivo quando chiamato in causa. Ho diviso lo spogliatoio con lui, era un tipo tranquillo, lavoratore. A zero è un affare".