1
Andriy Shevchenko, ex attaccante del Milan, ricorda i suoi momenti in rossonero in un’intervista a Dazn: “La mia storia calcistica è partita quando cominciai a lavorare con Lobanowski. Mi ha dato tanto e cambiato tanto. Nel periodo invernale, in ritiro, svolgevamo tre allenamenti al giorno. Ci svegliavamo alle 6,30. Kaladze all'inizio ha fatto una fatica tremenda. Quando passai in rossonero ero felice. E' stato un momento speciale. Fu Ibrahim Ba a dirmi se volevo il n.7. Due giorni dopo ricordo che mi chiamò un amico per dirmi che 7 in ebraico si dice 'Sheva. Disse che mi avrebbe portato fortuna”.