104
Giroud, Origi, Leao, Renato Sanches e un 7 puro da chiudere sul mercato. L'attacco del Milan 2022/23 si sta lentamente formando accontentando sempre più le richieste fatte alla squadra mercato da Stefano Pioli. Un attacco che, almeno sulla carta e da titolare non vedrà sicuramente Ante Rebic che ha vissuto una stagione non esaltante e che, al termine dell'annata dopo la vittoria dello scudetto, sembrava destinato quasi sicuramente a dire addio.

QUALCOSA STA CAMBIANDO - Il vento a Milanello per il croato sta però cambiando (e sì, anche se lui al momento è in vacanza l'aria nuova si percepisce) perché l'attuale squadra dirigenziale composta da Maldini e Massara (i cui contratti va ribadito devono ancora essere rinnovati) è convinta che la prossima possa essere la stagione del riscatto e un giocatore con le sue caratteristiche può servire a Pioli sia come alternativa a Rafael Leao, sia come alternativa da prima punta in emergenza.

UNICA VIA D'USCITA - Dopo il contatto avvenuto a fine maggio con il Wolfsburg, infatti, non sono arrivate per Rebic proposte economicamente interessanti per il Milan. Anche per questo per il croato oggi è sempre più probabile la permanenza a Milano con l'unica via d'uscita che gli si presenta davanti che può essere rappresentata solo da un'offerta importante e fuori mercato che al momento non è all'orizzonte.