70
Un talento purissimo. Szoboszlai sta incantando l'Europa anche in questo avvio di stagione dopo l'ultimo biennio che lo aveva segnalato tra i migliori classe 2000 a livello mondiale. Il Salisburgo ringrazia il nazionale ungherese che  in  12 presenze tra campionato e Champions League, ha messo a segno 5 gol e 8 assist vincenti. Dominik è pronto per il salto in una big, le pretendi non mancano di certo.


ATTRAZIONE MILAN -  La sua fama italiana è legata al celebre pizzino di Fabio Paratici trovato in un hotel milanese: in quei foglietti strappati il centrocampista di Budapest era al fianco dei vari Zaniolo e Tonali. La Juventus lo segue e apprezza da tempo ma è stato il Milan il club italiano più vicino al suo acquisto. E in ben due occasioni. La prima volta nel gennaio del 2020 con Boban che aveva trovato un'intesa di massima con l'entourage e il Salisburgo prima dello scontro con Elliott che compromise il tutto, la seconda la scorsa estate su preciso incipit di Ralf Ragnick. I rossoneri sono ancora su Szoboszlai, i contatti sono rimasti vivi anche con Frederic Massara. Il direttore sportivo rossonero è un grande estimatore dell'ungherese. Ma la concorrenza è alta (Inter compresa) tra Premier League e Liga per un giocatore che sa fare tutto con eleganza e intelligenza. L'unica via percorribile è quella di pagare la clausola da 25 milioni cash dopo aver trovato l'intesa con il ragazzo. Questo il Diavolo lo sa e sta valutando con la proprietà se provare ( di  nuovo) ad affondare il colpo.