102
Renato Sanches e un futuro ancora tutto da scrivere. Il centrocampista portoghese è alla sua ultima stagione con la maglia del Lille perché vuole provare una nuova esperienza professionale. Una decisione comunicata da tempo alla dirigenza del club francese che aveva provato a convincere il giocatore a rinnovare il contratto in scadenza nel 2023. Renato piace molto a Maldini e Massara, che avevano lavorato alacremente per portarlo al Milan già nello scorso mese di gennaio. 

Ascolta "Milan, tutta la verità su Renato Sanches" su Spreaker.
ACCORDO CON IL LILLE - Riavvolgiamo il nastro per provare a fare un po’ di chiarezza. Il Milan, nell’ultimo weekend di gennaio, rompe gli indugi e prepara un’offensiva per convincere il Lille a cedere Renato Sanches a stagione in corso. La strategia si rivela giusta perché l’accordo viene trovato rapidamente per circa 20 milioni più diversi bonus. Proprio sul più bello, con il traguardo finale ormai a un passo, sorge un problema a sorpresa: nonostante il gradimento totale alla destinazione rossonera, il centrocampista classe 1997 prende tempo su consiglio di Jorge Mendes. Il super-agente portoghese non era convinto della proposta d’ingaggio formulata dal Diavolo. Una stretta di mano cordiale con la promessa di aggiornarsi nelle prossime settimane. Ma il vero obiettivo di Mendes era quello di ascoltare tutte le offerte che stanno arrivando da club inglesi e italiani (la Juventus ha in programma un incontro entro la fine di marzo). E il Milan? Resta in pole perché ha già un’intesa con il Lille ma attende segnali dal giocatore. Maldini è stato chiaro: in rossonero arriveranno solo giocatori motivati dal progetto del club e con la consapevolezza della sua grandezza.