30
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""

Quando Christian Eriksen lascia la "grigia" nerazzurra Milano e torna in Danimarca, ritrova il sorriso: basta giocare con la maglia della Nazionale, indossare il numero 10 e avere finalmente la fiducia dell'allenatore e dell'ambiente, per riprendere le fila di quanto compiuto al Tottenham, mostrando spensieratezza e gioia di vivere. Colpa dell'Inter e di Antonio Conte? Forse no, ma sicuramente nella Danske Dynamite le cose vanno alla grande, in maniera opposta di quanto accade in Serie A.

LA DOPPIETTA, IL GOL AL 94', IL 'PANCIONE'  E L'AVVISO ALLA DANIMARCA - Nella serata di ieri doppietta decisiva su rigore contro l'Islanda, con la rete fondamentale al 94' per i tre punti e per continuare a credere nel primo posto del Gruppo di Nations League: Eriksen nuovamente protagonista, in vista dell'ultima partita mercoledì contro il Belgio. Dopo la gioia nei minuti di recupero, un'esultanza particolare con il pallone sotto la maglietta a mimare il "pancione" della moglie Sabrina e un nuovo arrivo in famiglia, poi commentato su Instagram: "Non la miglior partita, ma un grande risultato alla fine!. Sì, Sabrina è di nuovo incinta! Ma non preoccuparti Danimarca, stavolta è programmato meglio".
IL PRECEDENTE DEL 2018 - Il motivo? Nel 2018 il danese fu costretto a lasciare il ritiro a pochi giorni dall'inizio dei Mondiali in Russia, per stare vicino alla moglie che stava per partorire il suo primogenito. Questa volta invece l'organizzazione delle tempistiche eviterà che il parto possa capitare nei giorni dell'Europeo 2021. Nel quale Eriksen sarà in campo, da titolare, con il 10 sulle spalle: a prescindere da come finirà con l'Inter.

@AleDigio89