65
Massimo Moratti fa un gesto di solidarietà per i lavoratori dell'azienda di famiglia. L'ex presidente dell'Inter ha donato tutto il proprio stipendio annuale (circa 1,5 milioni di euro) agli operai della raffineria Saras di Sarroch in Sardegna per compensare la riduzione degli stipendi dovuta alla cassa integrazione per la crisi causata dalla pandemia coronavirus. Ogni dipendente dello stabilimento, esclusi i dirigenti, riceverà circa 150 euro netti in più nelle buste paga di ottobre, novembre e dicembre 2021. 

Lo stesso Moratti ha scritto una lettera spedita a tutti i dipendenti dell'impianto: "Vi ringrazio per i sacrifici che state facendo che, certamente, sono di grande aiuto per il superamento di un periodo difficile. Mi permetto, per questo, di mettere a disposizione il mio emolumento annuo che almeno vi consentirà di alleviare, almeno in parte, il peso della cassa integrazione".