6
L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti è intervenuto a 'Si gonfia la rete' su Radio Marte e ha parlato a tutto campo, a partire dallo scudetto ormai vicino: "Arriverebbe dopo un po’ di tempo, sarebbe necessario per mantenere il carattere internazionale. I punti per scaramanzia non si contano mai, aspettiamo che la matematica ci dia ragione. Mi sembra che la squadra sia assolutamente in una situazione molto positiva", riporta FcInterNews.it.

CONTE - "E' stato molto bravo, ha creato un ambiente e un modo di giocare che hanno reso la squadra fortissima e adatta a questo campionato: è arrivato come ex juventino ma è un professionista serissimo e molto capace. Ha portato risultati che non sono mai facili".

RITORNO ALL'INTER - "No, spero che Zhang risolva i problemi brillantemente".
RETROSCENA HAMSIK E LAVEZZI - "Branca era bravo e pure informato. Con Hamsik l’errore fu non prenderlo quando era al Brescia. Ci sono tanti giocatori bravi e non possiamo averli tutti. Quando andò a Napoli De Laurentiis mi disse chiaramente che non poteva fare l’operazione. Chi prenderei per l’Inter oggi? Kanté".

ORSATO - "Perché non arbitra più l’Inter? Sinceramente non ci avevo fatto caso e non so perché. È un buon arbitro, forse gli faranno arbitrare l’ultima partita. Il Var volte mette in condizione di lasciare dubbi ma tante cose sono cambiate, gli arbitri sono più rilassati".

SUPERLEGA - "Ora è facile per tutti dire che non avremmo aderito. A me anni fa fu fatta la stessa richiesta, questa è una vecchia situazione: rifiutai. La soluzione attuale è dovuta a una forte necessità da parte di certi club di far quadrare i conti. Il problema è che questo è un problema sempre esistito. Diciamo che è stata una nota stonata, era il momento sbagliato. Con il tempo forse si risanerà ma non è facilissimo. Già ai tempi si cercava di fare certe cose con il Fair Play Finanziario ma sono obiettivi difficili da raggiungere. La Super League è stata un’illusione".