19
Sesto giorno e sesta notte di proteste negli Stati Uniti per la morte di George Floyd. La rivolta della popolazione afro-americana e di tutti coloro che chiedono giustizia e parità di diritti si è spostata fin davanti alla Casa Bianca presa letteralmente d'assedio.

Nel corso della notte il lancio di fumogeni e l'accensione di un piccolo incendio ha a tutti gli effetti oscurato la villa presidenziale con i Servizi Segreti americani che sono stati costretti a far evacuare Donald Trump e la sua famiglia portandoli nel bunker sotto la casa per circa un'ora.

Inevitabile la risposta sui social del presidente USA che ha messo in allerta i manifestanti: "​I manifestanti di estrema sinistra creano terrore. Non lo permetteremo. ​Se fossero riusciti a superare la cancellata, i dimostranti sarebbero stati accolti dai cani più feroci e dalle armi più minacciose che io abbia mai visto".