Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, ha parlato a Sky Sport in vista della sfida contro il Liverpool, decisiva per la qualificazione: "Siamo pronti per questa partita, abbiamo opportunità sia noi che il Liverpool. È una gara dove si decide il passaggio del turno, abbiamo un piccolo vantaggio e va sfruttato con intelligenza. Questo non è uno stadio che fa paura, è affascinante e c'è atmosfera, sia per i giocatori di casa sia per chi viene qui. È bello giocare, partecipare, è lo spirito nostro. Poi c'è il campo che decide, Albiol penso sia disponibile, come tutti. L'ultima volta che sono uscito dalla Champions è stato per gravi errori arbitrali, conosco bene Skomina, notevole esperienza, molto capace. Da quel punto di vista possiamo stare tranquilli, e credo possa fare altrettanto Klopp: si preoccupi del Napoli più che dell'arbitro. Dobbiamo pensare alla nostra intensità, probabilmente non tutti possono farne 90. La panchina è molto importante. Ci conforta la partita di andata". 

Ecco poi le parole in conferenza stampa:

SULL'ARBITRO - "Se l'arbitro fa dei danni è più probabile che vai fuori, ma l'arbitro è di esperienza e affidabile. Dal punto di vista tattico non so cosa farà il Liverpool, ma sappiamo cosa vogliamo fare noi per vincere questa partita. La gara d'andata ci ha dato più fiducia e convinzione anche per questo match. Non so se saremo in grado di ripetere quel match, dipenderà anche dall'avversario, ma è quello che vogliamo fare".

SUI PERICOLI -  "Non so quello che farà il Liverpool, ma sappiamo l'intensità che ci mettono in questi match e noi dobbiamo essere concentrati su quello che vogliamo noi. Siamo qui per fare la nostra partita come abbiamo sempre cercato di fare, poi a volte ci è riuscito e altre meno. Se siamo intelligenti in entrambe le fasi abbiamo più possibilità di passare il turno".

SULLA VITTORIA DELL'ANDATA - "Sicuramente non prenderemo sottogamba l'avversario. Siamo alla fase finale di un percorso in cui abbiamo fatto molto bene e ora bisogna fare un ultimo step. E' impossibile pensare che domani saremo superficiali: la gara d'andata ci ha insegnato tante cose e da quella ripartiamo per provare a giocare un match simile".

SUL LIVERPOOL - "Il Liverpool è consapevole di dover fare una grande partita domani e il pubblico in questo tipo di match è sempre straordinario. Probabilmente Klopp cambierà qualcosa, ma per noi non cambierà molto".

SUL PSG A BELGRADO - "Tutte le partite sono difficili e per noi a Belgrado è stata difficile. Sarà anche quella una gara aperta, ma io mi devo concentrare su altre cose...".

SUL MATCH DECISIVO - "Un test molto importante, si decide la qualificazione e dobbiamo avere la consapevolezza che ce la giocheremo. La torta è stata fatta, adesso ci vuole la ciliegina".

SU ANFIELD - "Questo è uno stadio bellissimo, fantastico, tra i migliori al mondo e tutti conosciamo la passione di questi tifosi. Per noi è fantastico poter giocare ad Anfield e non temo un crollo della squadra, tutti nel nostro gruppo vogliono giocare una gara come questa.

SULLA FIDUCIA IN CAMPIONATO - "Io non ho bisogno di questo match per sapere quanto è forte la mia squadra, questa gara dirà solo se possiamo andare avanti oppure no. Lo straordinario l'abbiamo già fatto, dobbiamo solo ottenere un risultato positivo e credo sia nelle nostre corde. Ma la nostra stagione andrà avanti al massimo delle nostre potenzialità a prescindere dalla gara di domani".

SUL LIVERPOOL IN PREMIER - "La Premier è un campionato sempre molto competitivo, le grandi squadre non mancano, ma il Liverpool ha senza dubbio la possibilità di vincerla".