25
Il Napoli rimette insieme i pezzi. La sosta per le nazionali sta dando respiro ad un gruppo asfissiato da giornate lunghe e pesanti. Prima l’ammutinamento, poi la contestazione dei tifosi. Tante le critiche rivolte a Carlo Ancelotti, finito sul banco degli imputati a causa di diversi risultati negativi e prestazioni poco convincenti. 

FIDUCIA A TEMPO - Non ci sono al momento presupposti tali per pensare a un cambio di guida tecnica. La fiducia del presidente De Laurentiis nel tecnico scelto per sostituire Sarri è sempre forte, un periodo grigio non oscura un progetto che va avanti ormai da 1 anno e mezzo. Per questo negli ultimi giorni il patron ci ha tenuto a ribadire e rinnovare la stima ad Ancelotti, affidandogli responsabilità e oneri per prendere provvedimenti contro gli “ammutinati”. Il rischio esonero non è dunque immediato, ma molto importanti saranno le prossime due sfide, con Milan e Liverpool. In ogni caso, il Napoli ha già scandagliato il mercato in cerca di profili credibili per l’eventuale successione.

POSSIBILITA’ - L’idea della società, qualora la situazione con Ancelotti dovesse precipitare, è comunque quella di restare appetibile su standard internazionali. Quindi un profilo prestigioso, che abbini esperienza a qualità nella gestione del gruppo e nella valorizzazione della rosa. In questa prospettiva, disponibili ci sono Luciano Spalletti e Gennaro Gattuso. La premessa è d’obbligo: contatti ad oggi non ce ne sono stati. Il primo è ancora sotto contratto con l’Inter, quindi si dovrebbe trovare anche un’intesa con i nerazzurri per liberarlo. Gattuso invece è libero, ha un buon rapporto con De Laurentiis e potrebbe rappresentare una soluzione d’emergenza credibile, per polso e capacità di gestire un gruppo. Anche Max Allegri è legato da un rapporto di stima e amicizia, ma il suo arrivo per ragioni economiche e non solo sembra utopistico. Per giugno, non prima, potrebbe spuntare anche Erik ten Hag, allenatore dell’Ajax, che il patron azzurro apprezza da tempo. Di sicuro non una soluzione per l’immediato, può tornare d’attualità la prossima estate. Certo, tutto resta nelle mani di Ancelotti, che con le prossime partite si gioca il Napoli.