Commenta per primo
German Denis, centravanti del Napoli, al Corriere del Mezzogiorno confessa i suoi dubbi sul futuro: "Non nascondo che le richieste di altri club mi gratificano molto. Significa che nonostante tutto al Napoli finora ho fatto bene. Non ho fatto molti gol, potevo farne di più, ma un pò la sfortuna un po' anche le circostanze, mi hanno penalizzato. Di occasioni ne ho avute e anche tante. Però non è sempre semplice quando la testa non è tranquilla. Ho sempre giocato quando qualcun altro era infortunato o squalificato. Dovevo guadagnarmi tutto in novanta minuti. Ogni partita diventava un esame, una sorta di prova. Era una mia condizione mentale, per carità. Perché poi Mazzarri mi ha sempre dato fiducia e riconosciuto stima. Con lui ho un rapporto eccezionale. È l'allenatore che ti trovi in ogni momento, col quale puoi sempre parlare di tutto. Che lascia sempre la sua porta aperta, per qualsiasi problema. Mi ha dato molto quest'anno. "Genoa, Udinese o Bari? Tutti club interessanti, dove si gioca proprio per l’attaccante. Ma non dipende da me, la prima scelta è Napoli e saranno loro a decidere. Toni? E' un calciatore importante in Italia. Se arrivasse significherebbe per me non giocare e quindi mio malgrado dovrei andar via. Ripeto, deciderà la società"