9
Da primi in classifica si sta bene in questa sosta. Lo sa il Napoli che ha un vantaggio di 8 punti sul Milan che insegue. Come già detto, però, a gennaio sarà un nuovo campionato, con nuove motivazioni e delle avversarie che presumibilmente avranno ricaricato le batterie. Spalletti ha accolto questo periodo di pausa con serenità perché ha la possibilità di lavorare con grande calma e sperimentare anche delle relative novità. Come il 4-2-3-1, che non ha avuto continuità vista la mancanza di tempo per allenarsi su questo tipo di soluzione tattica. Adesso di tempo ce n'è e l'idea Raspadori alle spalle di Osimhen potrebbe rappresentare un'arma in più in una stagione molto intensa che riprenderà il suo corso tra un mese.

IL PROGRAMMA IN TURCHIA - Oggi il Napoli lavora sodo nel ritiro di Antalya. Preparazione in Turchia che è iniziata il 2 dicembre, con diversi impegni nel mirino. La squadra svolge spesso doppie sedute d'allenamento e si prepara anche ad affrontare due amichevoli che ci saranno lontano da casa. La prima è in programma mercoledì 7 dicembre contro l'Antalyaspor alle ore 20:45 (18:45 italiane), mentre la seconda contro il Crystal Palace domenica 11 dicembre alle ore 18:00 (16:00 italiane). Ritiro che proseguirà fino al 13 dicembre.

LE SFIDE AL MARADONA - Il Napoli, al rientro in città, affronterà altre due amichevoli. Una è già stata fissata: appuntamento allo Stadio Diego Armando Maradona sabato 17 dicembre alle ore 20:30 per il match contro il Villarreal. Due ritorni più che graditi per i tifosi azzurri che vedranno di fronte i grandi ex Reina e Albio. Prezzi accessibili per i supporters partenopei con il costo dei biglietti a partire da 8€. Un'ultima amichevole dovrebbe disputarsi sempre al Maradona, presumibilmente il 22 dicembre. L'avversario è ancora da definire ma prende quota l'ipotesi di una squadra francese, con il Lille che potrebbe arrivare in città. Sarebbe una partita affascinante per Osimhen, dato che è il grande ex di turno.
I NAZIONALI - Il Napoli quando farà rientro dal ritiro in Turchia ritroverà Lozano, Anguissa e Olivera, che hanno concluso la loro esperienza ai Mondiali in Qatar. Differente il discorso per Zielinski e Kim, impegnati agli ottavi di finale rispettivamente con la Polonia (oggi in campo contro la Francia) e la Corea del Sud (domani in campo contro il Brasile). Le condizioni di quest'ultimo preoccupano, dato che è uscito malconcio dai primi due impegni a causa di un problema al polpaccio. La speranza di Spalletti è che tutti possano essere al meglio alla ripresa del campionato.

TORNA KVARA PER L'INTER - La notizia migliore di questi primi giorni riguarda chiaramente il pieno recupero di Khvicha Kvaratskhelia. Il georgiano aveva saltato le ultime tre gare di campionato contro Atalanta, Empoli e Udinese a causa di una lombalgia. Problema smaltito e adesso mette nel mirino l'Inter, contro cui il Napoli giocherà il 4 gennaio alla ripresa del campionato. Saranno dieci giorni forse anche cruciali, dato che ci sarà un altro scontro diretto dopo pochissimo tempo, il 13 gennaio contro la Juve. Spalletti conta di ritrovare quanto prima anche Amir Rrahmani, che lo scorso 9 ottobre si fermava a causa di una lesione del tendine dell'adduttore lungo della coscia sinistra. Le sue condizioni migliorano gradualmente, svolge ancora lavoro personalizzato in campo, ma non c'è fretta di forzare i tempi. Un altro calciatore fermo ai box è Sirigu, con ancora un mese intero per recuperare e tornare a disposizione. Trentuno giorno alla ripresa, il Napoli c'è, il Napoli lavora per continuare a sognare il suo terzo scudetto.