64
Settembre, gambe pesanti per la preparazione. Anzi no, gambe non girano perché poca preparazione atletica causa troppe tournée in giro per continenti vari. Quindi muscoli carichi e scarichi insieme: una gamba sì, l'altra no?

Ottobre, gambe stremate dalle tre partite a settimana tra Coppe e turni infrasettimanali. Gambe da cui non si può pretendere...con questi ritmi distruggi gambe. Novembre, la fatica comincia a farsi sentire sulle gambe, sono già tre mesi di campionato e Coppe e infatti le telecronache segnalano l'apparire massiccio della fatica in campo verso...il minuto 10 del secondo tempo. Inizio dicembre, serve richiamo di preparazione, le gambe cominciano a scaricarsi. Fine dicembre, si riposa finalmente per una ventina di giorni.

Gennaio, gambe incerte alla ripresa, i postumi delle vacanze. Febbraio, campi pesanti quindi gambe impiombate. Marzo, gambe che tendono comprensibilmente al marmoreo che è marzo ed è già stata stagione intensa. Aprile, gambe che hanno già dato quasi tutto, gambe in riserva, è fine stagione. Maggio, gambe con la lingua di fuori.

E' il calendario ufficiale di chi perde, di chi gioca male, di chi strologa sulle partite, di chi snocciola e srotola alibi...Insomma a turno il calendario calcistico un po' di tutti. Con questo calendario, quando entrano in forma i giocatori, quale il mese in cui sono al top? Quando in forma? Il giorno del mai. Neanche fosse un campionato di nati stanchi. Cercare scuse, buttare la palla in tribuna, confezionare alibi, convenire sul fatto che dipende sempre da qualcun altro o da qualcosa d'altro, considerare peccato mortale prendersi una responsabilità, indorare la realtà fino a negarla... Non so quanto siano bravi in altri paesi in questo sport. Pare che alcuni fuori d'Italia in questo sport siano davvero scarsi. Di sicuro noi siamo campioni d'Europa, forse del mondo.