Il Milan perde 3-1 ad Atene contro l'Olympiacos e viene eliminato dall'Europa League. I rossoneri erano a un passo dalla qualificazione ai sedicesimi di finale e avrebbero potuto perdere di misura o anche con due gol di scarto, ma segnando almeno due reti. Sotto gli occhi di Salvini presente allo stadio, Gattuso sceglie Castillejo al posto di Suso, che va in tribuna. 

L'Olympiacos sblocca il risultato nella ripresa con Cissé e raddoppia grazie all'autorete di Zapata, che dopo due minuti segna il gol del momentaneo 2-1
. A questo punto il passaggio del turno torna a pendere dalla parte del Milan, ma poi l'arbitro si inventa un rigore inesistente (per una presunta trattenuta di Abate su calcio d'angolo) realizzato da Fortounis, che fissa il risultato sul 3-1 e regala la qualificazione ai greci