Commenta per primo

Pajtim Kasami ha la stoffa del campione e lo ha già dimostrato nei primi mesi palermitani. L’ex giocatore del Bellinzona è stato infatti uno dei protagonisti del debutto allo stadio Barbera in campionato contro il Cagliari.

Lo abbiamo raggiunto nel ritiro della nazionale Under 21 all’Hotel Principe Leopoldo di Lugano in vista del match-spareggio con l’Irlanda venerdì allo stadio di Cornaredo per le qualifiche europee di categoria.

Il ragazzo vuole innanzitutto ribadire che “se sono arrivato a Palermo lo devo innanzitutto al Bellinzona, a Marco Degennaro ed all’allenatore Roberto Morinini. Senza di loro non sarei approdato in questa importante realtà calcistica italiana”.

Il ritiro in Austria è stato importante per cominciare a conoscere i nuovi compagni.
“Siamo rimasti lì circa un mese, mi ha impressionato l’organizzazione e soprattutto il presidente Zamparini, persona euforica che ama moltissimo il calcio. Tutti mi hanno dato subito fiducia e questo mi ha aiutato ad inserirmi bene in questo ambiente. Poi la preparazione è proseguita in funzione dell’Europa League e appunto dell’esordio in campionato”.

Un esordio col botto visto che Kasami ha giocato tutti i 90 minuti. Te lo aspettavi?
“Tutti devono conquistarsi il posto, è difficile e bisogna sempre lottare. Ce l’ho fatta ma non è stato facile, anzi, perché il tifo è caldissimo, incredibile. Il primo termpo non è andato molto bene, nella ripresa invece le cose sono migliorate nettamente. Una cosa completamente differente rispetto alla competizione continentale. Sono felice di essere riuscito a superare il primo ostacolo ed alla fine tutti lo hanno apprezzato”.

Venerdì c’è l’attesissima sfida con l’Irlanda a Cornaredo, un match da vincere in primis nella testa...
“Un confronto delicato che presenta diverse insidie, l’Irlanda è un avversario ostico che dispone di giocatori di un certo valore. Dobbiamo concentrarci al massimo, essere molto concreti e giocare con tantissima grinta perché le compagini britanniche non mollano mai”.

Che tipo di incontro ti aspetti?
“Sicuramente un match giocato duro sotto ogni punto di vista e che di certo offrirà al pubblico molte emozioni. Speriamo che la gente venga in massa a sostenerci, ne abbiamo bisogno”.