Calciomercato.com

Palermomania: salvate il soldato Brunori

Palermomania: salvate il soldato Brunori

  • Alberto Giambruno
Eppure c'è, nell'infinito mondo social, chi lo ha già bocciato. Chi lo ha già spaparanzato sul banco degli imputati, nonostante i due gol segnati in precedenza e (per chi avesse la memoria corta) nonostante l'infinita sequela di reti siglata lo scorso anno, fondamentale per vincere i Playoff. Va da sé che con quel rigore insaccato... il Palermo avrebbe pareggiato. Ma questa è un'ovvietà pari alla più classica "Se mio nonno aveva tre palle, era un flipper". Quindi, andiamo avanti.

La verità è una soltanto: se il Palermo si ritrova attualmente in cadetteria è solo, ed esclusivamente, grazie a Matteo Brunori. Un catalizzatore d'aria di rigore che, sul più bello, ha inceppato il suo fucile dagli undici metri. Sbagliare è umano e soprattutto dal dischetto: è capitato ai più grandi, può succedere a chiunque. Sarà adesso necessario dimenticare subito tutto e, in tal senso, la pausa del campionato servirà tanto.

Quella di Cosenza è stata una partita a dir poco pazza, bellissima per lo spettatore neutro che di sicuro non si è annoiato. Qualche passo indietro nei singoli c'è stato in effetti, e le prestazioni di Segre e Mateju non hanno certamente convinto. Ma, come dicevamo, una settimana di stop sarà utile per 'disintossicarsi' e avvicinarsi ad un altro scontro diretto per la salvezza, al Barbera contro il Venezia. Per non affondare in classifica, a proposito di laguna.

Altre notizie