In campo per l'orgoglio, per l'onore: la Tunisia ha la meglio su Panama in una partita che aveva poco da dire in ottica qualificazione, essendo le due squadre già aritmeticamente eliminate dal Mondiale. Vince 2-1 la selezione africana, al primo successo nella rassegna iridata dal 1978, quando ottenero l'altra, e finora unica, affermazione contro il Messico. Primo tempo in cui noia e ritmi bassi la fanno da padrone. Ci pensa così Rodriguez con un guizzo a sbloccare la partita: il tiro dell'attaccante panamense, pericoloso di suo, diviene imparabile per Mathlouthi per una deviazione di Meriah. Autorete e 1-0 Panama. Nella ripresa le Aquile di Cartegine, guidate da Wahbi Khazri, reagiscono veementemente e trovano il pareggio con Ben Youssef che, a tu per tu con Penedo, trova la rete dell'1-1. Subito dopo è ancora Ben Youssef a rendersi pericoloso, ma l'estremo difensore panamense è miracoloso. Al 66', dopo un'occasione sprecata da Barcenas, è proprio Khazri, imbeccato da Haddadi, a segnare la rete del vantaggio tunisino. E' il gol decisivo, che ribalta definitivamente la partita. Successo storico e a dir poco atteso per la Tunisia, mentre Panama dovrà aspettare almeno altri quattro anni per la prima gioia mondiale.