35
In Italia aveva impressionato tutti con l'Empoli di Marco Giampaolo, stagione 2015/16. Un centrocampo tutto fatto di qualità, in cui accanto agli assist di Saponara e alle incursioni di Zielinski spiccava la regia di Leandro Paredes. Giocate di altissimo livello, che convinsero la Roma dell'investimento fatto per prelevare il classe '94 dal Boca Juniors. Dopo appena una stagione in giallorosso, però, Leo disse addio all'Italia, per trasferirsi prima allo Zenit San Pietroburgo e poi al Paris Saint-Germain, che nel gennaio 2019 lo acquistò per ben 40 milioni di euro.

TRA JUVE E INTER - Lontano dagli occhi, ma non dal cuore. Perché gli uomini mercato dei top club italiani non si sono mai dimenticati di Paredes e hanno spesso provato a riportarlo in Serie A. Quando ancora giocava in Russia e la Juventus cercava un regista, ha spesso avviato dei discorsi con lo Zenit, senza però riuscire a concludere un'operazione in prestito con diritto di riscatto. Negli ultimi tempi, invece, è stato il Psg a offrire il centrocampista ai bianconeri: un anno fa, in uno scambio che poteva coinvolgere Miralem Pjanic. Lo scorso gennaio, invece, ci ha pensato l'Inter su precisa richiesta di Antonio Conte, come opzione low cost in prestito in caso di cessione di Christian Eriksen.
LA SCELTA DEL PSG - Alla fine, ognuno è però rimasto al proprio posto. Il danese a Milano, dove ha conquistato la fiducia dell'allenatore pugliese. L'argentino a Parigi, dove anche con il connazionale Pochettino in panchina non sta però riuscendo a diventare un perno fondamentale e un titolare indiscusso. Per questo motivo il suo futuro in Francia è tutt'altro che certo e la prossima estate potrebbe vederlo nuovamente offerto come contropartita in qualche operazione tra top club: in tempi di crisi economica, gli scambi sono una soluzione per tanti...