21
"Juve, fai come il Milan. Ibra è già sul treno...". Mino Raiola, agente di Zlatan Ibrahimovic e Mario Balotelli, parla alla Gazzetta: "Sei mesi fa anche per i rossoneri Balotelli sembrava irraggiungibile ma poi...". E pizzica Galliani: "Gli manca Thiago? Senza i gol di Zlatan non vinceva".
 
Manca solo l'Alta valocità per riportare Ibra alla Juve e Mino Raiola si è già attrezzato: "Io sul treno sono già salito, insieme a Zlatan: chi vuole prendere posto con noi è il benvenuto". 
 
La trattativa con il club bianconero è partita da tempo, ma nessuno può ammetterlo. Tanto meno lui, il mago delle operazioni impossibili: "Sei mesi fa anche per i rossoneri Balotelli sembrava irraggiungibile, ma poi ha fatto il sacrificio giusto al momento opportuno. E il sogno è diventato realtà".
 
E' un invito esplicito ad Agnelli e Marotta
"E' evidente che al club bianconero serva un top player. E al momento io credo che Zlatan possa dare le migliori garanzie. Lo dice la carriera, la professionalità e la voglia intatta di lottare ai massimi livelli".
 
L'ingaggio però pesa molto.
"E' presto per entrare in questi dettagli. Io credo che in questo momento solo Juve e Milan, più che la stessa Inter, possano pensare a una simile operazione. Anche se a sentire le ultime parole di Galliani mi vien da sorridere...".
 
A quali si riferisce?
"Ha appena detto che gli manca più Thiago Silva di Ibra. Ma l'ultimo scudetto il Milan l'ha vinto con i gol di Zlatan".
 
Nasce un caso allora?
"Assolutamente no. So che Salamon sta facendo molti progressi, spero che anche lui presto possa dare soddisfazioni. Del resto non mi mancano i talenti da offrire".
 
Ad esempio?
"Ho appena depositato la procura di Henrikh Mkhitaryan, armeno dello Shakhtar. Sarebbe da portare anche lui in Italia".
 
Perché Balotelli non va a ritirare il premio del Time?
"L'ha deciso lui. Sarebbe dovuto rientrare giovedì e non avrebbe avuto tempo per prepararsi al meglio per il Catania. Mi sono complimentato per la professionalità. Non è un sacrificio da poco".
 
Al Milan come l'hanno presa?
"Alla mia telefonata, lì per lì Galliani è rimasto senza parole. Per Mario erano in preventivo eventi con gli sponsor e al consolato. Quel riconoscimento è un grande onore, ma è bene che ora resti con i compagni e dia il massimo nella rincorsa alla Champions".