60
Giuseppe Pecoraro, ex procuratore generale della Federcalcio, ha concesso una lunga intervista a Il Corriere dello Sport, nella quale ha toccato diversi argomenti, tra cui la discrepanza di valutazioni sulle espressioni blasfeme, alcune punite con squalifica e altre con ammenda: "Dovrebbe essere il giudice sportivo a spiegarne il motivo. Però queste sono piccolezze. A me preoccupa di più, per esempio, il fatto che tante squadre nelle serie inferiori vengano improvvisamente escluse per problemi finanziari. Problemi del genere falsano i campionati. Preoccupati di giocatori per strada e tifosi a terra quando reggevo la procura? Certo, ed era nostra cura segnalare in anticipo situazioni di questo genere. Anche la regolamentazione delle esclusioni e delle conseguenze sulla classifica meriterebbe una riforma approfondita. Ma è mancata nelle Leghe un'adeguata opera di sorveglianza e da parte della Federcalcio la dovuta attenzione".

PERCHE'? - "'Quieta non movere', non disturbare ciò che giace tranquillo. Non è stato fatto nulla, nonostante le nostre sollecitazioni, su tre argomenti portanti quali i problemi di bilancio dei club, le scommesse e le plusvalenze. Manca la volontà di andare fino in fondo. Inoltre mi sarei aspettato di ascoltare una presa di posizione sulla questione dell'esame d'italiano di Suarez".

LAVORO - "La procura federale in tre anni ha svolto un gran lavoro, secondo me. Soprattutto siamo andati a vedere i bilanci delle squadre. Consideravamo un inganno nei confronti sia dei giocatori sia dei tifosi il fatto che qualche squadra continuasse a disputare i campionati senza la certezza di poter mantenere gli adempimenti contrattuali nel corso della stagione. Avremmo voluto che alla luce dei risultati ottenuti venisse formata dalla Federcalcio una commissione di controllo apposita. Venne anche contattato un possibile presidente. Infine non se ne fece nulla. 'Quieta non movere'. Plusvalenze? In un caso specifico un tribunale stabilì che la compravendita dei giocatori risponde a logiche di mercato che non è possibile contestare".
AUDIO ORSATO IN INTER-JUVE - "'Pecoraro applica principi giuridici astratti ma non conosce i regolamenti'? Si disse quando non vollero darmi l'audio del dialogo tra Orsato e il Var intorno alla mancata espulsione di Pjanic in Inter-Juventus del 2018. Perché, mi raccontarono, non esisteva. Mi domando perché invece esistessero sonoro e video di tutte le altre situazioni".

JUVENTUS-NAPOLI - "Non poteva che andare così, con l'annullamento della sconfitta a tavolino del Napoli. Questione di gerarchia delle fonti di diritto. Il presidente Franco Frattini è un giurista di livello eccelso".