Calciomercato.com

Pioli-Milan, è finita: stagione buttata, non servirà Ibra

Pioli-Milan, è finita: stagione buttata, non servirà Ibra

  • Giancarlo Padovan
    Giancarlo Padovan
  • 278
Ho la netta sensazione che la storia tra Stefano Pioli e il Milan sia finita ieri sera con la sconfitta sanguinosa in Champions League, contro il Borussia Dortmund. E non tanto e non solo per il pesante risultato, ma soprattutto perché la squadra sembra letteralmente sfuggita al controllo del tecnico. Penso all'infortunio che ha azzoppato Thiaw, al rigore sbagliato da Giroud, alle amnesie difensive, alla pochezza della manovra offensiva. 

Dopo lo scudetto, generosamente regalato due anni fa dall'Inter, Pioli si è convinto di essere un allenatore più bravo di quanto non fosse davvero, si è snaturato per diventare più moderno, ha perso molta della sua proverbiale umiltà, allontanatosi sempre più da un modello collaudato per andare a sondare esperimenti che non gli appartengono. 

Ascolta "Pioli-Milan, è finita e non servirà Ibra" su Spreaker.

Ora, qualcuno di voi, eccepirà a proposito della colpa di un rigore sbagliato. Eppure è l'allenatore a scegliere i rigoristi, lui a dargli serenità o meno, lui a spronarli di fronte alle prove supreme. Sono quasi certo che il Milan non vada verso la eliminazione dalla Champions per colpa dell'errore di Giroud. 

Tuttavia l'allenatore è l'equilibratore degli umori, oltre che lo stratega assoluto. E Pioli, da molto tempo, non è né l'uno, né l'altro. Non so fino a quanto duri, ma la storia è già finita e anche nel peggiore dei modi possibili. Al novanta per cento il Milan ha buttato la stagione e a nulla servirà ingaggiare Ibrahimovic o qualche altro stregone. Bisogna ricominciare dal calcio, quello che al Milan è scomparso da tempo. 
 

Altre notizie