341
Andrea Pirlo torna a parlare, l'ex tecnico della Juventus si racconta in un'intervista a The Athletic di cui pubblichiamo alcuni estratti, partendo dall'estate magica del calcio italiano, con la conquista di Euro 2020: "E' stata un'estate magnifica. Non c'è gioia più grande che vincere con la Nazionale. Mancini ha fatto un ottimo lavoro. Italia aveva un'identità e giocava quasi da club".

DICOTOMIA CALCIO - "Il calcio non cambia mai. Ci sono due obiettivi: segnare e difendere. Non cambierà mai".

Tutta la Serie A TIM e' solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi
VINCERE DOMINANDO - "Guardiola lo ha dimostrato per anni: se non controlli il gioco è molto difficile per te vincere. Ci saranno partite in cui hai il 90% di possesso palla e dove perdi sull'unico tiro in porta, ma io preferisco perdere così piuttosto che passare l'intera partita a difendere in area, cercando di segnare in contrattacco".

JUVE - "Ho imparato molto. È stata la mia prima esperienza da allenatore ed è stata intensa. Abbiamo iniziato la stagione con una sola amichevole. È stato tutto molto veloce, abbiamo giocato ogni tre giorni, senza tifosi... È stata dura per la squadra di adattarsi a qualcosa di nuovo. La cosa più importante è sempre stata recuperare".

FUTURO - Pirlo dice di non avere fretta e di voler imparare. Da chi? Da Guardiola e Pochettino, per cominciare: "Andrò a Parigi e anche a Manchester. Sono pronto per una nuova avventura".