Andrea Dovizioso è pronto a lasciare la Ducati per unirsi, a partire dal 2019, al team HRC e creare un super team con Marc Marquez. Questo, stando ai rumors che si rincorrono in questi giorni, potrebbe essere lo scenario che potrebbe aprirsi da qui a breve, visto che passano i giorni e il rinnovo che sembrava certo fra Dovizioso e la Ducati continua a tardare ad arrivare.

DOVIZIOSO, IL RINNOVO IN DUCATI NON ARRIVA - L’amministratore delegato della Ducati, Stefano Domenicali, aveva fatto chiaramente capire che tocca a Dovizioso accettare o meno l'offerta della casa: “Abbiamo fatto ad Andrea la nostra migliore offerta che testimonia la nostra volontà di tenerlo - le parole di Domenicali - la palla ora è nel suo campo. Abbiamo fatto quel che potevamo. Se non riusciremo ad accordarci, Ducati avrà comunque una grande squadra”.

SI RISCHIA IL DOMINIO HONDA - Dati alla mano, un rischio di vedere un Mondiale di MotoGP monopolizzato dalla Honda c’è. Perché da ottobre 2016 Dovizioso è stato l’unico a cercare di fronteggiare con Marquez: 8 vittorie, 15 podi e 368 punti per il Carboncito; 7 vittorie, 9 podi e 305 punti per l’italiano. Eppure, a quanto pare, tutto questo non è servito per fare in modo che la casa di Borgo Panigale venisse incontro alle pretese economiche da top rider di Dovizioso.

UNA QUESTIONE DI SOLDI - Senza dimenticare che, due anni fa, Dovizioso accettò un ingaggio quasi 10 volte inferiore a quello di Jorge Lorenzo (che percepisce 12 milioni di euro a stagione, ndr) pur di poter rimanere in sella ad una moto italiana. Ora, visti i risultati, è andato a bussare cassa: dopo cinque anni in Ducati, con 31 primavere alle spalle, le sue possibilità di poter tentare di vincere il Mondiale iniziano a scemare sempre più.