72
Dopo la sconfitta per 2-1 in International Champions Cup contro il Benfica, il direttore sportivo della Fiorentina Pradè ha parlato delle mosse di mercato viola a Radio Bruno: “Sappiamo quel che dobbiamo fare, dobbiamo valutare i giovani, sono sereno. Col mister parliamo tutti i giorni, adesso partiamo. Per gli acquisti dobbiamo aspettare i momenti migliori per noi".

LIROLA - "E' uno dei calciatori che ci piace. Abbiamo dei giocatori che possiamo chiudere, aspettiamo solo l'occasione giusta".

BALOTELLI - "E' un bravissimo ragazzo ma non rientra in quello che vogliamo fare noi".

RAFINHA - "Forte, ma nella testa con il mister abbiamo altre cose".

BIGLIA - "Un nome ce l'ho eccome ma non vengo a dirlo qua. Vogliamo ricostruire una squadra che abbia una forte identità, che sia costruita da giovani ma anche da uomini. Gente che entri in uno stadio senza spaventarsi".
BORJA - "Può essere un profilo ideale, ma non vuole dire che siamo su di lui. Cerchiamo certe caratteristiche".​

CHIESA - "È un calciatore che la società vuole tenere. Capisco quel che passa nella sua testa, ma deve capire anche lui che la società vuol partire da situazioni certe. Puntiamo su Ranieri, Vlahovic, Castrovilli, Sottil, poi integriamo. A centrocampo un nome ce l’ho, ma non vengo certo a dirlo qui…".

OBIETTIVI - "Partiamo dal presupposto di andare a ricostruire un’identità. Non si possono avere obiettivi quest’anno, ma bisogna porre le basi per qualcosa di importante. Rispetto al 2012 c’è molto meno tempo a disposizione".

SIMEONE - "Io non entro in considerazioni tecniche, chiedete a Montella. Capitano stagioni storte, so che lui è forte”.