Commenta per primo
Se la notizia della mancata convocazione di Giuseppe Rossi per il prossimo Mondiale in Brasile ha scatenato polemiche e scatenato i tifosi viola, soprattutto sui social network, con frasi al vetriolo dedicate soprattutto all'indirizzo del c.t. Cesare Prandelli, un tempo amato a Firenze, oggi vittima di un sentimento esattamente contrario da parte della maggioranza dei supporters gigliati, anche se non palesemente ad essere felici sono l'Apt della Val di Fassa e la cittadina di Moena, visto che sia Pepito che Mario Gomez, anche lui escluso dalla prossima competizione in terra sudamericana, saranno presenti alla prima parte del ritiro fra le Dolomiti della Fiorentina.
"Sinceramente speravamo davvero, da italiani, che le due stelle gigliate potessero difendere i colori azzurri, ma adesso i riflessi di una partecipazione di Rossi e Gomez al ritiro dal 9 al 20 luglio prossimo a Moena, indubbiamente accresce l'attrattività per la presenza dei gigliati dalle nostre parti, con effetti positivi soprattutto in termini di prenotazioni- ha raccontato a Calciomercato.com il direttore dell'Apt della Val di Fassa Andrea Weiss –. Quest'anno il periodo di ritiro dei viola sara' molto piu' corto ma paradossalmente, ci è stato assicurato dai dirigenti viola, piu' importante perchè si lavorera' subito sull'intensita' ed è per questo che abbiamo migliorato strutture, come palestra ed il collegamento ai campi di gioco, e soprattutto il villaggio voluto dalla Fiorentina, che rendera' ancora piu' coinvolgente il contatto tifosi-squadra, in modo che poi i giocatori, che andranno in un albergo piu' defilato dal centro, possano godersi la cittadina con maggior serenità nelle ore di riposo. Vogliamo coinvolgere la gente nel seguire le sfide dei Mondiali e a questo punto chissa' che propri gli esclusi dalle proprie nazionali, non possano essere coinvolti in commenti e appuntamenti extra campo. Noi abbiamo fatto tanto dal punto di vista economico per venire incontro alle esigente del club dei Della Valle, ma la proprieta' viola stessa ci ha dato visibilità e devo dire che in particolare l'affetto mostratoci dal presidente Andrea è stato un biglietto da visita che poi ci è servito nel corso di tutta la stagione turistica, anche invernale. Inoltre gli eccellenti risultati europei hanno portato Moena sulla bocca anche extra Italia. Quest'anno l'incremento di prenotazioni, ad esempio dalla Germania o dall'Austria, ci ha reso parecchio invidiati, anche perchè la crisi turistica è tutt'altro che superata, e molti ci hanno detto che difficilmente in altri ritiri calcistici come a Moena hanno trovato appuntamenti legati non solo alle partite. Speriamo che ci sia davvero il tempo ad aiutarci e che qualche colpo di mercato della Fiorentina faccia il resto. L'entusiasmo da vivere in quelle due settimane sara' fondamentale per noi come per la rosa di Montella, con quest'ultimo che ci ha già anticipato provera' a lasciarsi coinvolgersi pure nella scoperta ciclistica delle nostre zone".