Nell'estate del 2016 aveva detto no. Rifiuto secco, nonostante Adriano Galliani fosse volato a corteggiarlo in prima persona; Marko Pjaca aveva già fatto la sua scelta, la Juventus nel destino che si è poi rivelato sfortunatissimo. Deludente sul campo, sfortunato in infermeria perché gli infortuni hanno davvero tartassato il talento croato disperso prima nel prestito allo Schalke di un anno fa, poi in quello alla Fiorentina della scorsa estate. Due anni bui per Pjaca falcidiato dai problemi fisici, ultima la rottura del crociato che gli ha fatto finire in anticipo questa stagione maledetta, ai margini del progetto viola nonostante un diritto di riscatto allettante.

RETROSCENA MILAN - Il Milan lo voleva nel 2016 e ha preso male quel rifiuto, ma a gennaio scorso si è presentata la situazione opposta. Marko Pjaca infatti è stato tra i giocatori offerti a Leonardo alla ricerca di un esterno offensivo acquistabile con una formula comoda e non impegnativa in vista di giugno; la Fiorentina era pronta a liberarlo così come la Juventus era convinta di lasciarlo andare in rossonero per provare a riemergere. Questa volta è stato il Milan a dire no, nonostante Pjaca gradisse moltissimo l'opportunità di rimettersi in sesto con la maglia del Diavolo. Il croato ha tentennato sull'opportunità Genoa così come sul Parma al punto da restare a Firenze, ma al Milan sarebbe andato di corsa. Nulla di fatto per scelta di Leonardo, due anni e mezzo dopo i ruoli si sono capovolti: i rossoneri rifiutano Pjaca, retroscena di mercato. E pochi mesi dopo, un altro maledetto infortunio.