50
Lunedì 17 agosto, una data da segnare in rosso per quanto concerne la storia recente della Roma: nella prima mattinata, si svolgerà infatti l'incontro decisivo tra i legali rappresentati del presidente James Pallotta e del prossimo proprietario Dan Friedkin per sancire in maniera ufficiale il passaggio di consegne. Sarà il giorno del closing, che darà seguito alla firma del contratto preliminare di cessione del club dello scorso 6 agosto e che porterà alla definizione del nuovo organigramma giallorosso e dell'inizio di una nuova era.

NUOVO DS E NUOVO ALLENATORE? - La prima novità rispetto alle attese dovrebbe essere quella relativa alla poltrona presidenziale che, a dispetto di quanto era trapelato nelle passate settimane, dovrebbe essere occupata direttamente da Friedkin senior e non dal figlio Ryan, che seguirà dagli uffici di Londra gli ultimi passaggi formali prima di diventare una figura comunque importante di raccordo tra la proprietà e la squadra. Non appena sarà definito il passaggio della Roma nelle mani dell'imprenditore statunitense, andranno affrontate da subito una serie di questioni fondamentali per la pianificazione sportiva della prossima stagione e di quelle che verranno. Se a livello dirigenziale sarà garantita la continuità col passato recente con la conferma del CEO Guido Fienga, restano dei punti interrogativi il nome del successore di Petrachi come direttore sportivo e di riflesso quello dell'allenatore, con Paulo Fonseca finito sul banco degli imputati per la mancata qualificazione alla prossima Champions League e l'eliminazione dall'Europa League per mano del Siviglia.
I RUMORS SU POCHETTINO - In tal senso, secondo le ultime indiscrezioni in arrivo dagli ambienti del mercato e in particolare dalla Spagna, prende quota il nome di Ramon Planes, che potrebbe essere travolto dalla rivoluzione in atto al Barcellona dopo il clamoroso 2-8 per mano del Bayern Monaco. Resta in orbita giallorossa anche il profilo di Orta del Leeds, mentre appare più defilata la candidatura dello juventino Fabio Paratici. Direttore sportivo probabilmente straniero e dall'estero potrebbe arrivare anche il prossimo allenatore, con i rumors per certi versi clamorosi in arrivo da Barcellona, che riferiscono della possibilità di un approdo dell'ex Tottenham Mauricio Pochettino al posto di Fonseca.

IL MERCATO - Inevitabile che da questi due fondamentali snodi passi anche il mercato in entrata e in uscita, con la priorità rappresentata dalla permanenza dei pezzi pregiati della rosa, Pellegrini, Veretout e Zaniolo in testa, il tentativo di confermare Smalling (attenzione all'inserimento dell'Inter) dopo l'ottima stagione da poco andata in archivio e, aspetto tutt'altro che secondario, la cessione di quei giocatori che non rientrano nei piani della società anche per una questione economica: Pau Lopez, Fazio, Under, Kluivert, Diawara, Pastore e Perotti sono tutti calciatori cedibili e anche su Dzeko, che ha un ingaggio da 7,5 milioni netti a stagione fino al 2022, saranno fatte delle valutazioni attente. 17 agosto 2020, sta per nascere la nuova Roma.