8
Ecco le parole di Fonseca alla vigilia di Roma-Cluj, terza giornata del girone A di Europa League

Su Pedro: un impatto così decisivo ha impressionato. Anche lei se lo aspettava? Giocherà domani?
Me lo aspettavo, quando l'ho scelto sapevo che poteva essere un giocatore molto importante per la squadra e non sono sorpreso dal suo rendimento. Anche della sua professionalità, è un professionista unico. Vedremo domani se giocherà, è vero che le ha giocate quasi tutte ma dobbiamo gestire lui e Mkhitaryan, penso potrà giocare, vedremo se dall'inizio

Non crede che federazioni o Uefa dovrebbero organizzarsi diversamente per una forma alternativa di Nations League? E' preoccupato per la prossima sosta?
Sì, perché qui alla Roma siamo molto rigorosi, facciamo test quasi tutti i giorni. So che in Nazionale si fa lo stesso ma vengono paesi di diversi paesi e continenti, è una situazione che mi preoccupa, speriamo non succeda nulla

Il rendimento di Mayoral crescerebbe se giocasse nella squadra di campionato invece che in coppa?
Quello che mi interessa è far giocare Mayoral, non c'è una squadra di campionato e una d'Europa, è una scelta mia di volta in volta. Penso che la cosa più importante sia farlo giocare quando possibile

Quando Pastore potrà tornare in campo e come stanno Diawara e Calafiori?
Vedremo come sta Pastore e che tipo di lavoro dovrà fare in questo momento. Penso che la cosa più importante è che torni. Calafiori e Diawara li aspettiamo presto.
Continuerà a cambiare tanti titolari anche domani?
Per me è importante scegliere i migliori giocatori ad ogni partita. Ovviamente starò attento alla condizione dei giocatori ma penso che la cosa più importante sia scegliere i migliori per la partita.

Visto che Carles Perez non sarà disponibile, è l’occasione giusta per vedere insieme Mayoral e Dzeko?
Vediamo domani

Smalling avrà bisogno di un turno di riposo?
Non giocherà titolare domani, è molto fare tre partite dall’inizio ora. Non dimentichiamo che non ha fatto il lavoro con la squadra dall’inizio.

Domani è uno scontro al vertice per il girone, secondo lei il Cluj è la più temibile?
E’ una squadra forte, che gioca in modo specifico. E’ aggressiva sulle seconde palle. La scorsa stagione il Cluj era nel girone della Lazio ed è passato. Non ha perso neppure con il Siviglia che ha vinto l’Europa League. Non perde da tante partite, è una squadra fortissima da affrontare.