2
A Sky Sport dopo la vittoria ottenuta dalla sua Roma contro il Bologna per 1-1, parla Rudi Garcia: "E' una vittoria importantissima, vincere era la cosa più importante. Nel primo tempo abbiamo giocato bene, ma nel secondo abbiamo subito troppi contropiedi e rischiato tanto il gol. Hanno giocatori forti di testa, ma siamo stati bravi a non prendere gol. Se non prendi gol è più facile vincere in trasferta. Siamo consapevoli che dobbiamo dare tutto sul campo, pensare alla squadra e non a sè stessi. Abbiamo bisogno che tutti lavorino per l'obiettivo comune. Siamo stanchi con tante partite, queste vittorie aiutano sicuramente. Il nostro gioco si basa molto sull'attacco dei terzini, oggi i nostri hanno fatto molto bene impedendoci di prendere gol. Sappiamo che prima o poi un gol lo facciamo. Dovevamo fare anche le scelte giuste sul campo e in avanti ne abbiamo tante".

Sul derby di Torino: "Quello che so è che può succedere di tutto, non c'è differenza di livello tra le due squadre ma solo l'orgoglio di vincere o di non perdere. Quello che abbiamo fatto stasera è importante, abbiamo vinto prima delle altre e ci siamo portati a +7 sul Napoli e -6 dalla Juventus con una partita in più. Vedremo come andrà, ma noi abbiamo fatto il nostro. Ho giocato tante volte le coppe con il Lille e so che è difficile vincere prima o dopo una partita europea, le coppe succhiano tante energie".

Successivamente il tecnico della Roma è stato intervistato anche da Mediaset Premium: "E' stato un successo importante, non è stata una gara semplice. Non abbiamo sempre fatto la scelta giusta in attacco, ma abbiamo difeso bene riuscendo a portare i tre punti a casa".
Sul fatto che si tratta della 16esima gara senza subire gol: "E' importante non incassare reti, anche perché siamo consapevoli di poter segnare in ogni momento. Gervinho ha fatto bene, non dimentichiamo che oggi abbiamo attaccato sulle fasce con due terzini schierati per la prima volta in quella posizione. Sono soddisfatto delle prestazioni di Romagnoli e Taddei".
Sulla Juventus: "Domani gioca un derby e può succedere di tutto, nel match tra due squadre della stessa città c'è grande voglia di far bene e l'aspetto tecnico non è molto importante. Siamo sereni, domani guarderemo con tranquillità le gare delle nostre rivali. In questa stagione c'è l'occasione di poter puntare allo scudetto, noi lavoreremo fino a maggio per coronare il nostro sogno e quello dei tifosi. Fare 88 punti potrebbe bastare oppure no, posso dire che giocare in Europa porta via energie. Noi non giochiamo in settimana e dobbiamo sfruttare questo aspetto".
 
Get Adobe Flash player