12
Il nuovo Totti, il nuovo Giannini e chi più ne ha più ne metta. Nel corso degli ultimi anni si sono sprecati i termini di paragone in casa Roma per il talento più promettente delle giovanili giallorosse: Alessio Riccardi. Centrocampista classe 2001 l'anno scorso ha trovato anche l'esordio in Serie A eppure, nonostante le premesse, quest'anno per lui non si sono più aperte le porte della prima squadra. Quali sono quindi i piani per lui?

DALLA JUVE A FONSECA - Qualcosa in estate è in realtà successo con l'offerta arrivata per lui alla Roma dalla Juventus, accettata dal club giallorosso. Fu proprio Riccardi, legatissimo ai colori giallorossi a scegliere di dire no, a scegliere ancora una volta la Roma per il suo presente e futuro. Una presa di posizione che lo ha messo ancor più nel cuore dei tifosi ma che, purtroppo, non ha convinto colui che dall'estate, si è seduto sulla panchina giallorossa. Fino ad oggi Fonseca non ha infatti scelto di puntare su di lui, preferendogli ragazzi fisicamente più formati anche se meno tecnici.

LA PRIMAVERA GLI STA STRETTA - Una scelta, quella di Fonseca che ha ri-spinto Riccardi in Primavera, un campionato in cui sta continuando a far bene ma che, al terzo anno di utilizzo, gli sta ampiamente stretto. Secondo quanto appreso da Calciomercato.com nonostante gli apprezzamenti di tanti club di Serie B (Crotone su tutti), Riccardi non si muoverà da Roma. Il piano è quello di continuare a lavorare, perfezionarsi e, perché no, provare a convincere Fonseca a dargli una chance. A giugno poi si apriranno nuovi scenari e un prestito, questa volta sì, potrebbe essere la scelta vincente.