62
José Mourinho, allenatore della Roma, parla a Dazn dopo la vittoria contro il Sassuolo: "Perché durante la settimana sono stat0 un bugiardo, dicendo che non era una partita speciale. Ma era una partita speciale. Era una partita con un numero speciale per me e avrei sempre voluto ricordare per la mia millesima una partita così. Ho mentito a tutti. La partita potevano vincerla loro come noi, poteva finire 6 a 6, 7 a 7, Rui Patricio ha fatto due miracoli, noi abbiamo sbagliato qualche gol. Una partita straordinaria, un'emozione tremenda. Oggi non ho 58 anni, ma 14 anni, quando inizi a sognare una carriera nel calcio. E' stata la corsa di un bambino, ho chiesto scusa a Dionisi, hanno giocato una partita fantastica".

ELOGI A DIONISI - "Sono felice per i tre punti, per la mentalità, non posso dimenticare Dionisi, i suoi sentimenti di questo momento. E' un bravo allenatore, allena una squadra con un'identità ben precisa, ha dato una nuova impronta. Io lo sapevo dal primo giorno di questa settimana. Sono 3 punti importanti".