57
Josè Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato a Dazn dopo il pareggio contro il Venezia: il tecnico non ha però voluto interagire con lo studio.
 
“Noi abbiamo ringraziato la gente, sta a noi farlo. Credo che sappiano che diamo tutto quello che possiamo. Se non facciamo di più, è perché non ne abbiamo. Ho vissuto stadi così, ma solo dopo vittorie di campionati. Vedremo San Siro così, comunque vada, tra una settimana. Come l’Olimpico stasera. Stiamo creando qualcosa di speciale, promettiamo che daremo sempre tutto come oggi, anche se il risultato non ci ha premiato. Ora ci sono due partite diverse ma importanti entrambe, andiamo a Tirana con l’obiettivo di prenderci la coppa”.
 
CONCENTRAZIONE – “Se cambiamo tre o quattro interpreti andiamo in difficoltà, c’è chi come Pellegrini, Abraham, Cristante e Ibanez non può permettersi di riposare. Stiamo lottando per ogni punto e lo dovremo fare di nuovo venerdì. Ora recuperiamo energie per la finale”.
 
ASSENTI – “Zaniolo e Mkhitaryan non erano a riposo, non ce l’hanno fatta. Vediamo più avanti”.
 
FUTURO – “Ho intenzione di rispettare il mio contratto, quindi certo, sarò qui ben oltre la prossima stagione. Lavoriamo al massimo delle nostre possibilità, non posso entrare in quello spogliatoio ed essere arrabbiato con quei ragazzi”.