71
Marcel Sabitzer è un fedelissimo di Ralf Rangnick. Un pallino di quelli veri, perché il manager tedesco lo coccola da anni e la crescita di questo jolly d'attacco austriaco è continua, costante, impressionante fino alla Champions League di quest'anno che lo ha messo ancor più in vetrina: il suo nome è emerso come idea legata al Milan dalla Germania proprio per il rapporto con Rangnick, un'associazione semplice perché Ralf lo conosce a memoria ma molto più complessa nei fatti.


I COSTI DELL'AFFARE - Il Milan infatti è informato da tempo sulla sua valutazione a prescindere dai contatti con Rangnick, conoscendo molto bene i procuratori di Sabitzer. L'operazione è più che complessa perché il costo reale dell'affare supera i 40 milioni di euro fissi per il cartellino, cui aggiungere un ingaggio in costante crescita che complica ulteriormente ogni valutazione. Il Lipsia è già destinato a perdere Timo Werner e non intende lasciar partire un altro pezzo pregiato, quindi il Milan sa bene che arrivare a Sabitzer nonostante Rangnick sarebbe ugualmente complesso. Il feeling tecnico è totale, ma ad oggi non basta: il Lipsia è già stato chiaro in tempi non sospetti.