Commenta per primo

E con quello di venerdì sera sono 12. Dodici pareggi in ventitrè giornate di campionato per la Sampdoria, record del campionato di serie B. Con tre “ics” di vantaggio sulla seconda, il Modena (ieri vittorioso a Bari) che potrebbe essere raggiunto dalla Reggina se nel posticipo di domani sera la squadra calabrese si dividesse i punti in palio con il Padova. Nei tornei di prima e seconda divisione dei cinque maggiori campionati europei c’è solamente una squadra che ha pareggiato tanto quanto la Sampdoria, il solito Brest che nella Ligue 1 francese ha un ruolino di “x” di 12 su 20 giornate, facendo la media addirittura un po’ peggio dei blucerchiati. Prendendo in considerazione i pareggi casalinghi, per la Sampdoria sono 7 su dodici partite. E in Europa ha tre parenti inglesi, a cominciare dall’illustre Liverpool che ad Anfield Road è imbattuto, ma su undici partite ne ha vinte quattro e pareggiate sette. E poi anche Middlesbrough e Crystal Palace nella Championship.

Tornando ai numeri blucerchiati, le statistiche dicono che la “pareggite” non ha ancora compromesso niente, e per “niente” si intende l’accesso ai playoff. Il record di “x” collezionati nella stagione regolare da formazioni che hanno poi disputato il minitorneo promozione spetta al Livorno stagione 2008/2009 e al Varese di Sannino dello scorso campionato: entrambe hanno chiuso con venti pareggi, sedici vittorie e sei sconfitte. Significa che, per ripeterne il cammino, la Samp ha ancora un bonus di otto pareggi, ma può permettersi solamente una sconfitta nelle prossime diciannove partite. E soprattutto deve collezionare dieci vittorie. Se è vero, come ha detto Iachini, «che certi nostri pareggi hanno assomigliato più a vittorie che a sconfitte», è altrettanto vero che i punti si fanno con quello che accade e non con quello che poteva accadere. Tra l’altro questo campionato di serie B si sta segnalando come uno di quelli dove si pareggia di meno negli ultimi anni. Anzi, fino ad oggi il pareggio è il risultato in assoluto che si è verificato di meno: 74 volte, contro 99 vittorie casalinghe e 78 successi esterni.

Nonostante questa “pareggite” e le balbuzie di rendimento, la Sampdoria è lì appesa, a 4 punti dal sesto posto, l’ultimo utile per i playoff e quello che potrebbe diventare a primavera il più combattuto, proprio perchè alla portata di un maggior numero di squadre. L’anno scorso sesta fu la Reggina a quota 61, cioè a 31 da oggi com 19 gare da giocare. In questo caso, non è un’impresa impossibile. La media delle ultime sette stagioni, da quando cioè sono stati introdotti i playoff, fa invece 66 e in questo caso ne mancherebbero 36. Impresa più difficile. Sono numeri, è vero, ma anche in quelli meno positivi si cerca qualcosa per esserlo. Positivi. Nel frattempo, però, così è, se vi pari.