Ieri dal Brasile rimbalzava una voce piuttosto insistente: secondo i media sudamericani, la Sampdoria sarebbe stata ad un passo da Léo Cittadini, centrocampista classe 1994 di proprietà del Santos. Si parlava di un'offerta allettante da parte dei blucerchiati per il giocatore, che ha recentemente rifiutato il prolungamento con il suo club, e una trattativa ancora da definire ma basata su un arrivo a Genova del giocatore in cambio di una percentuale sulla futura rivendita: il Doria avrebbe proposto il 10% più un premio di formazione, a fronte della richiesta del Santos del 50%.

In realtà, secondo l'edizione genovese de La Repubblica, alla Sampdoria non risulterebbe una trattativa in stadio così avanzato. Stando al quotidiano, da Corte Lambruschini ci sarebbero stati alcuni sondaggi per il giocatore, ma sussisterebbero ancora dei dubbi sulle sue caratteristiche nella fase di non possesso. Il problema sarebbe che le qualità di Cittadini farebbero al caso della Samp in fase di impostazione, ma non in fase di interdizione, e quindi non potrebbe essere il perfetto sostituto di Torreira. Ad ingolosire il Doria ci sarebbe però il fatto che il centrocampista brasiliano è in possesso del passaporto italiano, cosa che gli consentirebbe di non occupare uno degli spazi da extracomunitario.