La Sampdoria è alle prese con alcuni casi spinosi da risolvere. Uno riguarda ovviamente la situazione contrattuale della dirigenza di Corte Lambruschini. I contratti di Carlo Osti, Daniele Pradè e Massimo Ienca scadranno infatti il 1° luglio, e per il momento non ci sono ancora stati incontri tra Ferrero e i suoi dirigenti. Un summit però sarebbe previsto già per la prossima setttimana: "Ne parleremo", ha promesso Pradè nel post partita di Samp-Napoli, dichiarazioni che fanno il paio con quelle di Ferrero: "Non sarà una ripartenza, ma una continuità" aveva detto il numero uno blucerchiato. "Squadra che vince non si cambia - ha aggiunto il patron - e questa ha vinto".  

La sensazione quindi secondo Sampnews24.com è che il Doria voglia ripartire dai suoi quattro pilastri, anche se molte società hanno corteggiato Osti (Sassuolo e Cremonese) e Pradè, sondato dal Venezia e dall'Udinese. Anche Ienca ha ricevuto delle richieste - si è parlato della Roma - ma tutti e tre dovrebbero essere confermati ai loro posti. L'unico che potrebbe cambiare incarico è Riccardo Pecini, a cui Ferrero potrebbe proporre un nuovo ruolo.