Il presidente del Santos, Luis Àlvaro de Oliveira Ribeiro, accusa Ronaldo di aver svolto un ruolo attivo nel tentativo del Real Madrid di acquistare Neymar, tentativo poi sfumato dopo il rinnovo dell'attaccante fino al 2014.

Come dice il massimo dirigente in un'intervista a Folha de Sao Paulo, l'ex Fenomeno, oggi è il titolare di un'azienda del settore marketing sportivo, lo ha contattato a giugno per presentargli un'offerta del club spagnolo, che ha proposto di pagare 37 milioni di euro per il passaggio di Neymar ai blancos.

"Lui è stato il primo a parlare del Real Madrid. Dopo sono venuti gli emissari del club", ha detto Ribeiro, che ha attribuito gli sforzi di Ronaldo al suo desiderio di ottenere un guadagno dalle trattative dei calciatori: "Ha smesso di essere un calciatore e si è trasformato in un imprenditore. Naturalmente voleva guadagnare denaro, è suo diritto. Io non voglio guadagnare denaro, ma lui si"

Ronaldo che ha abbandonato i campi da gioco lo scorso febbraio non ha commentato le affermazioni del dirigente, nonostante, lo scorso aprile, avesse assicurato che la sua azienda non avrebbe agito nel campo dei trasferimenti dei calciatori, e si sarebbe limitata a gestire l'immagine dei suoi clienti.