Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Lazio: "Out Boga e Bourabia, ieri si è fermato anche Sernicola, mentre gli altri stanno tutti bene. Stanno crescendo tutti a livello di condizione, questa è stata la settimana in cui ci siamo allenati meglio. Domani cercheremo di mettere in mostra le nostre qualità e il nostro talento, come abbiamo fatto del primo giorno di ritiro. Contro squadre come la Lazio, che hanno campioni che possono risolvere la partita con una giocata, serve un'attenzione in più. Sensi in Nazionale? È motivo d'orgoglio per tutti, per la società, per me e per il mio staff e lo deve essere per i compagni. Sensi ha avuto troppo poco spazio, ma solo perché ha nello stesso reparto giocatori di uguali qualità ma con caratteristiche diverse. Deve essere uno stimolo per giocatori con alto potenziale ma ancora non consapevoli delle proprie qualità, come Magnani, Djuricic, Ferrari e Babacar, che devono chiedere a se stessi sempre di più.
Se Mancini si è accorto di Sensi in quelle poche partite che ha giocato, allora devono tutti far di più perché poi cambiano le carriere. Djuricic? Nessuno lo conosce come me, sono innamorato di lui, per me è uno dei talenti maggiori della Serie A. Dobbiamo tutti fare in modo che diventi determinante, così come Sensi, Locatelli e altri. In questa squadra ci possono essere 15-16 titolari, poi chi gioca o meno è una scelta che faccio a seconda della partita. Locatelli non paga certo l'errore di Napoli, io non porto rancore, tanto meno se l'errore arriva su una cosa che chiedo io. Paga invece la condizione fisica, che sta recuperando ora; quando starà bene giocherà di più, poi dipende anche dagli altri, perchè Magnanelli ha sempre fatto bene quando ha giocato".